Compliance

Obblighi Di Transparenza Pubblicazione dei Contributi Pubblici Ricevuti nel 2020 ex legge 124/2017 Ai sensi dell’art.1, comma 125-bis della legge 4 agosto 2017 n.124, si fornisce informativa relativa a ” sovvenzioni, sussidi, vantaggi, contributi o aiuti, in denaro o in natura non aventi carattere generale e privi di natura corrispettiva, retributiva o risarcitoria, di importo…

Obblighi Di Transparenza

Pubblicazione dei Contributi Pubblici

Ricevuti nel 2020 ex legge 124/2017

Ai sensi dell'art.1, comma 125-bis della legge 4 agosto 2017 n.124, si fornisce informativa relativa a " sovvenzioni, sussidi, vantaggi, contributi o aiuti, in denaro o in natura non aventi carattere generale e privi di natura corrispettiva, retributiva o risarcitoria, di importo superiore a € 10.000,00

ENTE EROGANTE IMPORTO EROGATO DATA INCASSO TITOLO/BANDO/MISURA
INAIL - REGIONE EMILIA ROMAGNA€ 81.250,0027/05/2021Avviso Pubblico ISI 2018 CODICE DOMANDA : ISI N.I1818-000291
REGIONE EMILIA ROMAGNA€ 40.058,5531/05/21ORDINANZA N.5/2019 - “ Interventi a favore della ricerca industriale delle imprese operanti nelle filiere maggiormente coinvolte dagli eventi sismici del maggio 2012”
crediti di imposta da agevolazioni€ 2.723,0016/10/2020Credito di imposta - investimenti pubblicitari incrementali stamap quotidiana e periodica anche on line, emittenti televisive e radiofoniche locali, analogiche o digitali- articolo 57-bis, comma 1, DL 24 aprile 2017, n. 50 e successive modifiche
REGIONE EMILIA ROMAGNA€ 27.248,5114/06/2022ORDINANZA N.5/2019. “Interventi a favore della ricerca industriale delle imprese operanti nelle filiere maggiormente coinvolte dagli eventi sismici del maggio 2012”

Comunicazione a tutti i Destinatari

Canali Whistleblowing

Bonaveri Srl, in attuazione del d.lgs. n. 24 del 10 marzo 2023, emanato in attuazione del in attuazione della Direttiva (UE) 2019/1937, e riguardante “la protezione delle persone che segnalano violazioni del diritto dell'Unione e recante disposizioni riguardanti la protezione delle persone che segnalano violazioni delle disposizioni normative nazionali”, ha rinnovato il proprio sistema di tutela dei soggetti che denunciano la commissione di reati all’interno della società.

Per tale esigenza è stato individuato quale responsabile della procedura l’Avv. Francesco De Sanzuane, designato alla ricezione e valutazione delle segnalazioni.

Si potrĂ  dunque contattare il destinatario tramite comunicazione da rivolgere a:

  1. l’indirizzo [email protected]; resta inteso che l’ indirizzo di posta elettronica è gestito esclusivamente dal Destinatario a tutela della riservatezza del segnalante;
  2. lettera o nota inviata in busta chiusa tramite il servizio postale o il servizio di posta interna (cassetta interna, per i segnalanti operanti all’interno della Società ove da quest’ultima messa a disposizione), indirizzata presso la sede legale della Società, all’attenzione del Destinatario con la dicitura “Riservata Destinatario Whistleblowing di Bonaveri Srl” o “Riservata Organismo di Vigilanza di Bonaveri Srl”; all’interno della busta contenente la segnalazione deve essere inserita un’altra busta contenente i dati identificativi del segnalante. L’ufficio protocollo della Società o il soggetto che raccoglie le comunicazioni lasciate nella cassetta interna non deve assolutamente aprire la busta e la segnatura del protocollo è effettuata sulla busta chiusa. Tale busta dovrà essere tempestivamente recapitata al Destinatario o all’Organismo di Vigilanza qualora presente, e da quest’ultimo archiviata e conservata;
  3. in forma orale, alternativamente attraverso la linea telefonica dedicata, ivi riportata ed altresì scritta in bacheca - +(39) 347 369 11 86 - dotata altresì di sistemi di messaggistica vocale o tramite incontro diretto, su espressa richiesta del segnalante; ed in alternativa eventuale con
  4. comunicazione inviata attraverso una apposita piattaforma informatica, qualora e laddove messa a disposizione e comunicata agli interessati.

Qualora la segnalazione dovesse avvenire con il già menzionato strumento informatico, i dati identificativi del segnalante saranno separati dal contenuto della segnalazione e conservati in maniera disgiunta dalla stessa, mediante adozione di un sistema crittografico. L’identità del segnalante potrà essere recuperata nei casi in cui ciò sia necessario per la difesa del segnalato o nell’ambito di un eventuale procedimento (disciplinare, penale etc.) a suo carico.

Nel caso dovessero ricorrere le ipotesi di cui all’art. 6 del d.lgs. n. 24 del 10 marzo 2023, il segnalante potrà rivolversi alle autorità competenti designate dalla nuova normativa, il c.d. canale esterno, ovvero:

  • A.N.A.C, tramite il portale dedicato al sito web dell’Agenzia www.anac.it; oppure provvedere
  • per Divulgazioni Pubbliche o Denunce all’autoritĂ  giudiziaria e contabile
Torna in alto